Lavorare con noi

La verità sul lavoro in un Call Center: Vantaggi e Svantaggi.

lavorare in un call center

Chi è alla ricerca di un nuovo lavoro spesso ha difficoltà a trovarlo. Può essere difficile trovare qualcosa tra le offerta di impiego disponibili, che sia adatto  alle proprie competenze e passioni.

Se avete una buona dialettica, vi piace vendere e lavorare per obiettivi, allora dovreste prendere in considerazione la possibilità di trovare lavoro presso un call center outbound, anche se non avete alcuna esperienza lavorativa in merito.

Può essere un lavoro stimolante e gratificante e potreste scoprire che è il lavoro perfetto per voi. Può darvi un’esperienza preziosa. Le competenze acquisite possono aiutarvi ad arricchire il vostro curriculum e offrirvi delle opportunità di crescita.

Però  non è facile. A volte può essere stressante. Le interazioni continue con potenziali clienti e le difficolta’ nel cercare di cogliere tutte le opportunità di vendita, possone essere esperienze difficili ed emotive.

In sintesi, può essere un lavoro stimolante e gratificante e potreste scoprire che e’ il lavoro  per voi. Ma come tutti i lavori ha difficoltà e richiede caratteristiche che non tutti hanno . Può essere un’esperienza preziosa che può arricchire il vostro curriculum, sviluppare competenze molte ricercate e offrirvi delle opportunità di crescita.

Continuate a leggere per scoprire tutto quello che c’è da sapere sul lavoro in un call center prima di prendere una decisione.


Cosa vuol dire Lavorare in un call center oggi.

Se non avete alcuna esperienza o formazione in questo settore, potreste sentirvi sopraffatti quando inizierete. È normale perché ci sono molte cose da imparare. Tuttavia, una volta che vi sarete abituati, vi renderete presto conto che è non è poi così male.

La maggior parte delle volte questo tipo di attività è considerato come una professione poco sicura, non di lunga durata, mal retribuita e che può essere fatta da chiunque.

Una volta forse era così ma oggi molte cose sono cambiate. Il contratto a progetto o contratto di collaborazione è regolato da un contratto collettivo e ci sono più tutele e regole.

Le attività di telemarkting poi, si sono evolute e spesso si appoggiano ad altri canali digitali per aiutare a contattare clienti che possono essere già interessati al prodotto rendendo piû semplice il processo creando maggiori opportunità di vendita.

In sintesi, considerare lavorare in un call center una  professione di ripiego e di secondo livello è un retaggio del passato. Oggi esistono contratti e tutele per i collaboratori. Le attività di telemarketing si sono poi evolute per aiutare gli operatori a raggiungere i clienti interessati.


Il lavoro di un operatore telefonico inbound e outbound

La maggior parte dei lavori nei call center rientra in una di queste categorie: inbound o outbound.

Le chiamate in entrata (Inbound) vengono effettuate da clienti che già conoscono l’azienda e che hanno bisogno di aiuto o informazioni.

L’operatore inbound deve fornire assistenza telefonica che a seconda del settore, richiede delle figure professionali  preparate su specifici argomenti tecnici. 

Il rapporto di lavoro è regolato dal CCNL delle telecomunicazioni.

Le chiamate in uscita (Outbound) vengono effettuate a persone che non sono ancora clienti.

Gli operatori outbound svolgono attività di telemarketing e teleselling utilizzano degli script per effettuare chiamate di vendita, promozione o presa di appuntamenti.  In alcuni casi possono svolgere attività di customer care. 

Devono essere empatici e attenersi alle migliori pratiche per superare obiezioni e  atteggiamenti scontrosi.

Gli operatori outbound devono inoltre conoscere i prodotti e i servizi che vendono, comprese le caratteristiche, i vantaggi e i prezzi.

L’ideale è avere esperienza in un ruolo analogo di vendita o di assistenza clienti.

Il rapporto di lavoro è regolato dal CCNL per i collaboratori telefonici di call center.


Le competenze necessarie per diventare un operatore outbound di successo

Le competenze necessarie sono molteplici.

Innanzitutto, è necessario avere passione per la vendita ed essere bravi a comunicare.

Ciò include il tono di voce e le parole utilizzate, la capacità di ascoltare e di porre domande pertinenti, la comprensione dei diversi stili di comunicazione e la capacità di superare le varie barriere comunicative.

Dovete anche essere in grado di mantenere la calma quando avete a che fare con clienti arrabbiati, essere empatici ed essere in grado di seguire lo script  ma anche di discostarsene quando necessario.

Dovete anche essere indipendenti e determinati nel raggiungere risultati. Significa che dovete assumervi la responsabilità di voi stessi e delle vostre prestazioni.

Un call center serio comunque, metterà a disposizione formazione, mezzi e tecnologie per vi aiuteranno ad avere successo.

È importante che siate disposti a imparare nuove tecnologie e ad adattarvi ai cambiamenti. Di conseguenza, vi troverete ad apprendere nuove competenze e a migliorare quelle vecchie.

Non c’è dubbio che si tratti di un percorso di carriera impegnativo.

Ma se desiderate lavorare in un ambiente frenetico, dove potete acquisire un’esperienza preziosa e sviluppare le vostre capacità, potrebbe essere proprio quello che stavate cercando.


I vantaggi di lavorare in un call center

Molti possono essere i vantaggi di lavorare in un call center outbound. 

Si ha la possibilità di aiutare le persone. A seconda della tipologia di prodotto o servizio venduto si possono aiutare famiglie e aziende a risolvere parte dei loro problemi a risparmiare, essere più innovativi e produttivi.

Offre possibilità di carriera anche se non si è laureati. Con il lavoro nel call center si possono acquisire importanti competenze comunicative , di gestione delle risorse umane e di marketing. Soprattutto potete imparare a trattare con i clienti difficili. E’ una di quelle competenze chiave molto ricercate dalle aziende.

Capacità che possono essere utilizzate per crescere professionalmente come team leader o come call center manager. Oppure possono essere rivendute per fare carriera in altri settori. 

Si può guadagnare molto bene soprattutto se si e’ bravi a vendere. Quanto si guadagna lavorando in un call center e’ una delle domande piu’ frequenti.La risposta dipende da molti fattori, come l’esperienza, le competenze e la personalità.

Lo stipendio medio di un addetto al telemarketing include la parte fissa piu’ la parte variabile. Puo’ variare dai 500 euro  ai 2000 euro al mese, a seconda dell’azienda e della commessa su cui lavorate e dal numero di contratti chiusi.

Un altro vantaggio è che si può lavorare nelle fasce orarie e dal luogo che si preferisce. 

Ci sono diverse opzioni disponibili per i lavori di telemarketing. Il CCNL prevede la possibilta’ di autodeterminarsi il ritmo ed il luogo di lavoro. Un notevole vantaggio soprattutto quando devi  aziende offrono orari flessibili, in modo da poter iniziare e terminare i turni quando si vuole.

Ovviamente maggiore è il tempo impiegato maggiore è la possibità di guadagnare. Non è realistico pensare di lavorare poco e guadagnare molto.

In sintesi,  si possono aiutare famiglie e aziende a risolvere problemi reali. Offre possibilità di carriera e di sviluppare competenze importanti spendibili anche in altri settori. Si può guadagnare bene se si e’ bravi a vendere. E’ possibile autodeterminare il proprio ritmo di lavoro.


Gli svantaggi di lavorare in un call center outbound

Il ruolo di un operatore del call center è quello di vendere al cliente i servizi offerti dalla compagnia.

In molti casi, però, non si riesce a concludere la vendita perché il cliente ha già preso un’altra decisione oppure perché non è interessato. Capita che si venga accusati, con poca educazione, di essere dei distrubatori di scarsa professionalità. Il risultato è che l’operatore può sentirsi umiliato e frustrato. 

Per questo motivo bisogna avere una grande tolleranza alla frustrazione, grande autocontrollo e non avere reazioni nervose. 

 È necessario sviluppare pazienza e perseveranza.

Inoltre, ci sono volte in cui il cliente non capisce cosa vuole o non riesce a comunicare in modo efficace. Quando ciò accade, è necessario riprovare, fornire informazioni utili finché non si trova una soluzione. L’obiettivo è di lasciare l’interlocutore soddisfatto.Inoltre, è necessario sapere come gestire le situazioni in cui il cliente diventa aggressivo o offensivo.

Un call center è spesso considerato un lavoro di basso livello. In realtà non è vero. Molte persone che lavorano nei call center sono professionisti a tutti gli effetti. Sono addestrati a gestire clienti e situazioni difficili.

In sintesi, l’attivita’ di vendita al telefono non è per tutti e bisogna essere in grado di gestire le proprie emozioni e le reazioni dei clienti. È importante ricordare che il successo della vostra carriera e dei vostri guadagni è direttamente collegato alle vostre prestazioni. Se le prestazioni non sono buone allora le possibilità di essere promossi e di guadagno diminuiranno.



Se ti sei incuriosito su questo lavoro e ritieni di avere le caratteristiche giuste e vuoi metterti alla prova, compila il modulo di contatto e ti richiameremo per un colloquio conoscitivo.